| OMRON, Italia

Login

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Registrati

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Grazie per aver effettuato la registrazione al sito Omron

Un messaggio e-mail per completare la creazione dell'account è stato inviato a

Torna al sito web

ottieni l'accesso diretto

Inserisci di seguito i tuoi dati e avrai accesso diretto ai contenuti di questa pagina

Text error notification

Text error notification

Checkbox error notification

Checkbox error notification

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Grazie per aver mostrato interesse nei confronti della nostra azienda

Ora potrai accedere a

Un messaggio e-mail di conferma è stato inviato a

Passa alla pagina

Effettua il oppure ottieni l'accesso diretto per scaricare questo documento

Didacta 2022

Laboratori scuola e impresa per innovare i curricula

Abbiamo portato lo Smart Project a Didacta 2022

Nell’ambito della fiera Didacta 2022 - importante appuntamento fieristico sull’innovazione del mondo della scuola svoltosi a Firenze dal 20 al 22 maggio -  si è tenuto l’evento Laboratori scuola e impresa per innovare i curricula, nel quale Omron è stata invitata dal Ministero dell’Istruzione per portare la testimonianza di alcune esperienze svolte partecipando al Trofeo Smart Project.

L’evento, coordinato dalla professoressa Carla Galdino del MI, ha visto la partecipazione di alcuni professori che negli anni hanno aderito alle iniziative Omron Educational.

In particolare, Claudio Ferrari, dell’ITIS Fermo Corni di Modena ha parlato del ruolo di Omron nello svolgimento della didattica dell’automazione. “Insegnare automazione non è semplice -ha esordito il prof Ferrari -, si tratta di una tecnologia in continuo sviluppo, che richiede un notevole sforzo da parte dei docenti per rimanere quanto più possibile aggiornati e tanti investimenti da parte della scuola per permettere agli studenti di esercitarsi in laboratori con caratteristiche che rispondano alle richieste e alle aspettative del mondo del lavoro.”

“Sono sfide che non si riescono a affrontare senza il supporto di chi automazione la fa come mission – ha continuato Ferrari: Omron si è messa al fianco dei docenti e delle scuole per creare una sinergia con l’obiettivo di arrivare alla formazione di tecnici capaci e preparati.”

E’ stata poi la volta di Marta Castagna e Roberto Biasci, rispettivamente DS e insegnante di automazione dell’IIS Zaccagna Galilei di Carrara, che hanno raccontato le ricadute positive della partecipazione allo Smart Project per gli studenti, come l’acquisizione di nuove competenze, la spendibilità peer-to-peer, fino alle implicazioni per la scuola quali la crescita di credibilità dell’istituto – che porta a una maggior attrattività per l’utenza – e l’aumento di occasioni lavorative per i diplomati.

Giuliano Monti, insegnante dell’ITIS Fermi di Modena, si è soffermato sugli aspetti metodologici nell’adozione degli strumenti software messi a disposizione da Omron. Il quarto anno, in particolare, è incentrato sulla programmazione in ladder utilizzando il software CX Programmer che Omron mette a disposizione gratuitamente. Si analizzano quindi dispositivi fisici quali sensori, segnali digitali e analogici, motori DC, stepper ed encoder. Il quinto anno è dedcato alla programmazione con Sysmac studio e alla eventuale preparazione del progetto per la partecipazione al Trofeo.

Michele Centonze, docente dell’IIS Pentasuglia di Matera, ha esposto il progetto finalista presentato lo scorso anno dal titolo: Impianto termico con controllo distribuito.

Laboratorio a distanza, l’esperienza dell’ITIS Castelli di Brescia è stato infine il titolo della testimonianza portata dal prof. Giuseppe Marti .“Il supporto di Omron per la partecipazione all’edizione 2021 del Trofeo – ha esordito Marti - ha fornito lo spunto e il sostegno per organizzare un laboratorio virtuale a distanza per l’intero gruppo classe (classe quinta, indirizzo Automazione), improntato alla collaborazione tra studenti e con l’intento di stimolare il problem solving”.

Didacta Italia ha l’obiettivo di favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione tra gli enti, le associazioni e gli imprenditori, per creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore.

La mostra ha fatto registrare una crescita del numero degli eventi (893 in totale), degli espositori e dei giornalisti accreditati rispetto all’edizione 2019 (l’ultima in presenza prima dello stop per la pandemia), richiamando oltre 19.000 visitatori.