Come ridurre al minimo i richiami dei prodotti alimentari | Omron, Italia

Login

Please use more than 6 characters. Forgot your password? Click here to reset.

Modifica password

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Registrati

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Grazie per aver effettuato la registrazione al sito Omron

Un messaggio e-mail per completare la creazione dell'account è stato inviato a

Torna al sito web

ottieni l'accesso diretto

Inserisci di seguito i tuoi dati e avrai accesso diretto ai contenuti di questa pagina

Text error notification

Text error notification

Privacy ">

Checkbox error notification

Checkbox error notification

Purtroppo abbiamo problemi tecnici. Il tuo modulo non è stato ricevuto correttamente. Ci scusiamo per l'inconveniete e ti chiediamo per favore di riprovare più tardi.

Download

Grazie per aver mostrato interesse nei confronti della nostra azienda

Ora potrai accedere a Come ridurre al minimo i richiami dei prodotti alimentari

Un messaggio e-mail di conferma è stato inviato a

Passa alla pagina

Effettua il oppure ottieni l'accesso diretto per scaricare questo documento

Come ridurre al minimo i richiami dei prodotti alimentari

Nel corso del 2015 il numero di richiami di prodotti alimentari è aumentato. Secondo Robert Brooks, un'automazione efficace e integrata degli impianti può avere un ruolo fondamentale nel ridurre al minimo tali richiami, che comportano un danno e costi importanti.

Nel Regno Unito, nel settore alimentare i richiami di prodotti costituiscono e costituiranno anche in futuro un grosso problema per i produttori. Si calcola che nel 2015 i richiami siano aumentati dell'80%, arrivando a un totale di 159*. Le conseguenze sono negative per la reputazione di un'azienda e per i suoi risultati finanziari.

Se la maggior parte dei richiami è dovuta alla mancata segnalazione di alcuni ingredienti (compresi gli allergeni) in etichetta, in molti casi la causa è rappresentata dalla contaminazione da batteri, metalli e altri corpi estranei.

I produttori devono essere consapevoli dell'impatto delle tendenze produttive attuali sull'etichettatura e sulla precisione del confezionamento. Cicli più brevi, produzioni in diverse varianti, nuove versioni di prodotti affermati e riprogettazione degli imballi possono determinare errori.

Probabilmente, gli standard qualitativi stabiliti da rivenditori e terze parti detteranno le procedure di test off-line e imporranno il rilevamento in linea di contaminanti che, in questo e in altri settori, cambiano continuamente. I produttori devono stare al passo sia con questi cambiamenti, sia con le implicazioni dovute al Regolamento sulla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori (FIC), che stabilisce nuove e molto specifiche norme relative alle informazioni da porre sulle confezioni.

Scaricate l'articolo completo qui sotto.